Slow Travel

freccia per escursionisti nella Dingle Way, IrlandaSe non fossi una nota cialtrona, e avessi un minimo di spirito imprenditoriale (seppur in ambito non profit), registrei il marchio Slow Travel con l’obiettivo di promuovere il “viaggiare lentamente”.

Applicherei l’etichetta “Slow Travel” a uno specifico modo di concepire il viaggio. Qualcosa di simile a ciò che è Slow Food. Assaporare il viaggio così come si fa con il cibo: senza fretta, prendendosi tutto il tempo necessario, privilegiando la qualità sulla quantità.

Darei visibilità agli operatori liberi dalla schiavitù del marketing turistico e premierei gli individui impegnati a diffondere la cultura del viaggiare lentamente.

Una volta registrato il marchio, aprirei un sito, organizzerei incontri ed eventi, spedirei comunicati stampa.

…rei…rei…rei… Uso il condizionale perchè sono una cialtrona e non ho spirito imprenditoriale, per cui so che non farò niente di tutto ciò : (((

Ti è piaciuto quest'articolo? Condividilo! Facebooktwittergoogle_plus

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *