Ottobre: un buon periodo per andare in Vietnam?

Per me sì ma dare consigli sul tempo e sulle offerte dei voli ha la stessa attendibilità di dare i numeri vincenti al lotto.

pagoda e palma in Vietnam

L’idea iniziale era l’Australia ma poi mi negarono tre settimane di ferie attaccate. A quel punto, per una serie di motivi personali e lavorativi, avevo deciso di prendermi le ferie ad ottobre. La destinazione doveva essere una conseguenza del periodo in cui volevo/potevo viaggiare. E il contorto percorso mentale che mi portò a prenotare un volo in Vietnam ve l’ho già raccontato.

Ma prima di prenotarmi l’aereo volevo assicurarmi che da un punto di vista climatico ottobre fosse un buon periodo per andare in Vietnam. La pioggia in vacanza non piace a nessuno, meno ancora a chi vive in un paese di pioggia e ha solo due settimane di ferie all’anno per godersi sole e trenta gradi. Ancor meno piacciono i tifoni.

Ho iniziato quindi l’abituale ricerca online su siti, blog, forum. E a quel punto sono letteralmente impazzita. Più leggevo e più non ci capivo una mazza. Ogni fonte consultata dava consigli diversi. “Questo mese è buono per andare qui ma non per andare lì”. “Questo periodo è il migliore per visitare questa zona ma non per visitare quella”.

I due punti fissi su cui tutti concordavano erano:

1. Il Vietnam è un paese molto grande: nord, centro e sud hanno tre microclimi diversi tra loro
2. in linea di massima, ottobre è uno dei periodi migliori per visitare il Vietnam

Ma come fate a dirmi che è il periodo migliore se è ancora (al sud) stagione di piogge?, pensavo. Non ero convinta. Sembrava che una decisione in base al tempo non potesse prescindere da un itinerario già pianificato. Problema: considerati i tempi biblici della mia pianificazione, se aspettavo di avere l’itinerario pronto il volo sarebbe stato sicuramente molto più caro (vedi motto n.5). Alla fine ha prevalso la voglia di partire. Il Vietnam era un viaggio sogno, e sentivo che ero arrivato il momento giusto. Prenotai un volo, andata il 4 ritorno il 20 ottobre.

Responso

Soddisfatta della mia scelta? Sì, 100%. I primi dieci giorni al nord ho avuto sole e trenta gradi. Al sud il sole si è alternato a sporadiche piogge, talvolta torrenziali, ma di durata mai superiore ai dieci-quindici minuti. Le temperature erano molto alte, per cui l’unica volta che mi è capitato di bagnarmi mi sono asciugata in cinque minuti.

Per completezza dell’informazione, devo ammettere di essere stata fortunata. Dal giorno in cui ho lasciato Hanoi per trasferirmi al sud, nel Vietnam del nord ha piovuto per diversi giorni. In uno di questi Halong Bay è stata evacuata e i turisti a bordo delle navi-hotel si sono visti riaccompagnare al porto e rimborsare i soldi della crociera. Più o meno nello stesso periodo il Vietnam centrale veniva investito da un tifone che ha causato “soltanto” undici morti.

A livello di strutture alberghiere, a detta dei vari hostel/hotel staff e guide turistiche con cui ho parlato, ottobre non è alta stagione, pertanto è più facile trovare alloggio senza aver prenotato. Sapa non è invasa dai turisti, ed è certamente più bello fare trekking con meno gente intorno. Di contro, a ottobre la raccolta del riso è già terminata, pertanto le terrazze di riso sono meno verdi di quel che vedete nelle cartoline. Ottobre è un buon periodo anche per Halong Bay. Fa buio presto, è vero, ma non vi dispiacerà: osservare le stelle è stato una delle delizie del mio viaggio. Ok anche per il sud: vero è ancora stagione di piogge ma sta finendo e le piogge sono meno frequenti. In compenso, il caldo è sopportabile.

In conclusione, tutto considerato, mi sento di consigliarvi ottobre come un buon periodo per viaggiare in Vietnam. Con una clausola: data l’imprevedibilità delle condizioni meteorologiche, non mi assumo responsabilità in caso di maltempo :)

Pioggia, Mekong Delta, Vietnam

Ti è piaciuto quest'articolo? Condividilo! Facebooktwitter

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.