Musei di Dublino: i miei preferiti

Non è una lista dei migliori musei di Dublino: è la lista dei musei che mi piacciono di più!

Immagino che l’arte abbia portato ben pochi turisti a Dublino, e concordo sul fatto che non sono le gallerie d’arte i principali motivi di interesse della città. Questo non significa che Dublino sia priva di musei e di gallerie d’arte che val la pena visitare.

Al contrario, ce ne sono un paio che io includo nella mia personale lista di cose imprescindibili da fare nella capitale irlandese. Si tratta di musei tematici, pertanto vi consiglierei la visita o meno a seconda dei vostri interessi.

Letteratura

Al Dublin Writers Museum io mi ci sono letteralmente fiondata nella prima mattina del mio primo soggiorno a Dublino, nella lontana vacanza del maggio 2007. Credeteci o no, questo museo era la prima cosa che volevo vedere e la prima che consiglierei a tutti gli amanti della letteratura. Piccolo e polveroso, è riuscito a convincermi che Dublino è la città della letteratura molto prima che fosse dichiarata tale dall’Unesco nel luglio 2010. La vista dei manoscritti in inglese e in gaelico mi emozionò al punto da farmi scendere una lacrima. Non lo sapevo allora, ma già mi ero innamorata di Dublino.

Storia

Se più che la letteratura vi interessa la storia visitate le prigioni storiche di Kilmainham (Kilmainham Gaol), un nome legato alle vicende che hanno portato all’indipendenza dell’Irlanda. Qui infatti furono prigionieri molti dei protagonisti delle lotte per l’indipendenza, tra cui Padraig Pearse, James Connolly, Eamon de Valera, la contessa Markievicz. Molti di loro non uscirono mai, perchè qui vennero giustiziati. Kilmainham Gaol potrà interessare anche agli appassionati di cinema e di musica, visto che qui sono stati girati il video degli U2 A celebration e alcuni film tra cui Il nome del padre.

Sport

Un museo che consiglierei a tutte le persone con una reale curiosità per la vita culturale e sociale irlandese è il GAA museum di Croke Park. Pure una persona con zero interesse per lo sport giocato dagli altri, e meno che meno per stadi e palloni (parlo della sottoscritta, ovviamente) non potrà non riconoscere il valore storico e culturale di questo museo. Gli sport gaelici non sono solo intrattenimento: sono un caposaldo dell’identità nazionale. Se volete conoscere l’Irlanda, non potete prescindere da calcio gaelico e hurling.

Arte

In ambito artistico il mio personale numero uno è la Chester Beatty Library, collezione privata di oggetti d’arte religiosa provenienti da tutto il mondo, con una predilezione per Asia e Medio Oriente. Dopo la visita se il tempo è clemente concedetevi un po’ di relax nel grazioso giardino.

dublin castle

 

Consiglio anche la Hugh Lane Gallery, galleria di arte contemporanea, con una riproduzione dello studio di Francis Bacon. Il giorno migliore per visitarla è la domenica, così potete abbinare alla visita della galleria l’ascolto di un concerto di musica gratis.

Una nota positiva: i due musei a ingresso gratuito.

 Architettura

Quasi un tesoro nascosto è Number 29 all’angolo di Merrion Square, museo interessantissimo ma in maniera inspiegabile poco conosciuto dalla massa dei turisti, e pure dagli italiani residenti a Dublino. Si tratta di una casa georgiana perfettamente ristrutturata. La visita, seppur breve, vale tutti gli euro del biglietto, sia in quanto rappresenta un’occasione unica di vedere una casa georgiana com’era nell’Ottocento, con i suoi picchi di povertà estrema nei piani inferiori e ostentata opulenza nei piani superiori, sia per gli aneddoti curiosi sulla vita dell’epoca. A me e a mia madre, per esempio, rimase impresso l’uso del corrimano al lato della porta: la sua specifica funzione era di sostenere il padrone di casa quando arrivava a casa ubriaco marcio, in attesa che arrivasse un servo a trascinarlo in camera da letto.

Zoologia

Un altro gioiello nascosto ai turisti è il museo di storia naturale, noto anche come Dead Zoo. Il triste nome non gli rende giustizia, perchè è un edificio storico molto bello in cui è piacevole trascorrere un paio d’ore per provare la sensazione di tornare indietro nel tempo e curiosare nel simpaticissimo mondo animale. Il museo è una nota attrazione per le famiglie dublinesi, ma nonostante il chiasso dei visitatori più piccoli l’atmosfera è tranquilla e rilassata. Gli animali esposti provengono da tutto il mondo e comprendono pesci, uccelli, insetti, anfibi, rettili, invertebrati, mammiferi…

Canali e corsi d’acqua

Un punto di domanda rimane per me il Waterways Visitor Centre, che ancora non sono riuscita a visitare nonostante si trovi a cinque minuti a piedi da casa mia. E’ nella mia lista di cose da fare.

Ti è piaciuto quest'articolo? Condividilo! Facebooktwitter

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.