Pensieri sparsi sul mio viaggio in Cina

Le città cinesi sono brutte.

Dunhuang è la città meno brutta che ho visitato.

Foto da un ponte: dune di sabbia a Dunhuang

Zhangye è la città più brutta che ho visitato, e l’ostello a Zhangye è il più brutto in cui ho soggiornato.

Gli hotel cinesi sono veramente pacchiani. Per questa loro pacchiana bruttezza mi affascinano.

Hotel a Dunhuang, Cina

Ordinare da mangiare è stato il mio incubo.

Il treno è stato la star del mio viaggio…

… assieme al cammello : )

Silvia, il "mio" cammello a Dunhuang

Le code alle biglietterie della metropolitana a Pechino possono essere lunghissime, motivo per cui consiglio di procurarsi la IC card

… ma non sono le uniche. Farete code lunghissime per comprare i biglietti della Citta’ proibita e per superare i controlli di sicurezza per entrare in piazza Tienanmen. E probabilmente molte altre.

Coda alla biglietteria della Città Proibita, Pechino

I bigliettai in Cina a volte si camuffano da adolescenti intente a messaggiare l’amica col cellulare o da pecorai.

Bigliettaia a Jinshanling, Grande muraglia cinese

Il concetto di customer service in Cina non esiste. Commessi e camerieri non fanno alcuno sforzo per nascondere la loro noia e il fastidio che gli date quando gli rivolgete la parola.

Gli oggetti più utili che ho portato con me sono stati: dizionario, torcia e rotolo di carta igienica.

Ti è piaciuto quest'articolo? Condividilo! Facebooktwitter

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.