Pub tradizionali, l’anima di Dublino

Il pub è l’anima della vita sociale irlandese. Si può dire che abbia la stessa funzione sociale della piazza nei paesi caldi: il luogo dove la gente si aggrega, chiacchera, discute, litiga, si diverte. I pub irlandesi sono famosi per la loro atmosfera calda e la cordialità di baristi e clienti, caratteristiche che trovo ancora presenti al giorno d’oggi.

Se venite a Dublino per la prima volta, sicuramente avete messo nella lista di cose da fare “bere una Guinness in un pub tradizionale”. Ma in quali pub andare? I pub a Dublino sono così tanti che non basta una vita intera per conoscerne la metà!

Inizio parlandovi dei pub tradizionali perchè penso che almeno uno di questi dovete visitarlo, se non altro per interesse “culturale”. Poi se preferite un altro tipo di serata vi potete spostare in locali più moderni.

Quella che segue è una limitatissima selezione, e non si propone come “la lista dei migliori pub tradizionali di Dublino”. Più semplicemente, quella che segue è la lista dei pub tradizionali che piacciono a me. Li ho scelti tutti in zona centrale, così sono facili da trovare.

Se entrate in uno di questi e mi vedete, venite da me e ditemi “ciao”: birra gratis per voi! :)

Palace Bar

Palace Bar, dublino
Il Palace Bar, da non confondere con il Palace Nightclub a Camden, è la mosca bianca di Temple Bar: l’unico pub snobbato dai turisti e amato visceralmente dai dublinesi. Un vero pub vecchio stile frequentato per lo più da clienti abituali dove potrete gustare un’eccellente Guinness e molte altre birre in bottiglia e alla spina (compresa la “rivale” Murphy’s, popolarissima a Cork e una delle preferite di mio fratello), il Palace Bar è il luogo perfetto per chi vuole immergersi nella cultura locale. L’ètà media è un po’ alta, ma il divertimento in Irlanda non ha età. Non preoccupatevi se esagerate o fate qualcosa di imbarazzante: il giorno dopo probabilmente non vi ricorderete niente.

Indirizzo: 21 Fleet St, Dublin 2

Zona fumatori: no
Cibo: no
Musica dal vivo: si, tradizionale (al piano superiore)

Grogan’s

Rosso e moquette, così d’istinto descriverei il Grogan’s. Odore di sigarette vecchio di almeno dieci anni, quando ancora era legale fumare all’interno dei pub; acari di polvere che nelle sue poltrone hanno stabilito dimora fissa da un tempo ancora più lontano; l’inconfondibile seppur indescrivibile olezzo di alcol, birra perlopiù e perlopiù Guinness. Il Grogan’s è un altro pub old style, dove “vecchio” si fa sinonimo di “vitale”, il corrispettivo italiano di quell’aggettivo “vibrant” tanto amato dagli autori delle Lonely Planet, ma spogliato di ogni presunzione cosmopolita.

Sono molti i pub che vogliono pregiarsi del titolo di “miglior Guinness di Dublino”, e sono molte le persone a ritenere che sia il Grogan’s a meritarselo. Io sono una di quelle persone. Oltre a questo, che sarebbe sufficiente per inserire il Grogan’s nella lista di pub da non perdere, ci sono altri motivi che rendono famoso questo pub. Uno, è uno dei pochi pub in centro ad avere tavolini all’aperto: sono pochi e ambiti, ma vale la pena fare lo sforzo di cercare di accaparrarsene uno, magari tornando in diversi orari. Secondo, l’ham and cheese sandwich. Non ne comprendo il motivo, ma il toast prosciutto e formaggio che viene servito qui è una vera istituzione a Dublino, direi un rito. Io lo celebro con religioso fervore. Ricordatevi di spalmarlo di mustard… Yummy! Terzo, le esposizioni artistiche: le pareti del pub si fanno galleria d’arte esponendo quadri e fotografie di artisti irlandesi, famosi e non. Tutte le opere sono in vendita e – caso raro – il pub non riceve alcuna commissione sulle vendite.

Grogans Pub,Dublino

 

Il motivo che mi fa mettere questo pub polveroso in cima alla mia classifica di pub tradizionali a Dublino è però un altro: la speciale atmosfera creata dalla curiosa galleria di personaggi che lo frequentano, un misto di artisti, letterati, turisti, vecchi ubriaconi, signore benvestite e ogni altra sorta di specie umana. È sempre molto affollato e trovare posto per sedersi è assai raro, ma anche questo contribuisce al suo fascino.

Indirizzo: 15 South William St, Dublin 2

Zona fumatori: no
Cibo: toast con formaggio e prosciutto (solo questo!)
Musica dal vivo: no

Brogan’s

Viene spesso confuso con il Grogan’s a causa del nome simile, ma per me è facile distinguerli. Il colore dominante qui è marrone, color del legno, materiale che, nella mia mente, è la caratteristica peculiare di questo pub. Nella centralissima Dame St, il Brogan’s è il pub pre o after (o tutti e due) di chi va a vedere un concerto all’Oympia Theatre. In queste e qualche altra occasione è un pub affollato e chiassoso, nelle altre serate è invece un pub tranquillo, tenuto a bada da un barista sornione che non si tira mai indietro dinanzi alla possibilità di intavolare una conversazione.

Indirizzo: 75 Dame St, Dublin 2

Zona fumatori: si
Cibo: no
Musica dal vivo: occasionalmente

nota: sito Internet non disponibile per questo pub

Brogans Pub, Dublino

Celt

Il Celt è il mio angolo di Irlanda dell’ovest nel centro di Dublino. È incredibile come, nell’istante stesso in cui chiudi alle tue spalle la porta di ingresso ti dimentichi il traffico pedonale di alcolizzati e tossicodipendenti in Talbot Street. Questo piccolo pub, famoso per le sessioni di musica tradizionale ogni sera alle ore nove, mi ha sempre ricordato i pub di paesini di contee dell’ovest. Dove sono? Mayo, Donegal, Connemara, Westport…? No, al Celt, dove un tempo si mangiava il miglior Irish stew di Dublino. Poi hanno cambiato il cuoco, e il Celt è rimasto un posto che consigliavo soltanto per bere. A maggio 2013 hanno cambiato di nuovo il cuoco (qualcuno forse si è lamentato?), ma da allora ancora non sono stata a cena al Celt. Se vi capita di andare fatemi sapere cosa pensate del cibo. Dei drinks, della musica, della gente son certa che non vi lamenterete.

Indirizzo: 81-82 Talbot St, Dublin 1

Zona fumatori: si
Cibo: si
Musica dal vivo: tradizionale, tutte le sere

Celt pub, Dublino

Stag’s Head

Lo Stag’s Head è un pub labirinto, dalle molte sale e diverse atmosfere. L’icona di questo pub è l’imponente testa di cervo imbalsamata che dà il nome al locale e che sembra osservare e giudicare dall’alto i numerosi avventori di questo centralissimo pub. Il pianterreno di giorno è un decente ristorante, noto anche ai turisti; sul tardo pomeriggio diventa luogo di ritrovo per impiegati appena usciti dal lavoro; in seguito a seconda dal giorno della settimana l’afflusso di gente va via via scemando o si fa esasperante. La saletta sul retro favorisce conversazioni più intime, se non è stata presa d’assalto da un piccolo gruppo di amici che ha deciso di farne la propria sala privata per la serata. La sala al piano di sopra è il delizioso Parlour Bar: elegante, impreziosito da una graziosa finestra illuminata, di tanto in tanto si fa intimo teatro di concerti acustici o serate di cantastorie. Ma nel weekend è affollato e chiassoso quanto il pianoterra! La saletta in pietra al piano inferiore ospita invece una popolare comedy night a ingresso gratuito il lunedì e la domenica, mentre il venerdì ospita affollatissime sessioni di musica tradizionale.

Indirizzo: 1 Dame Court, Dublin 2

Zona fumatori: si, al piano superiore
Cibo: si, servito fino alle ore 18
Musica dal vivo: si, tradizionale, non tutte le sere.

Stag's Head, Dublino

The Long Hall

Lo dice il nome stesso del locale: il Long Hall si estende in lunghezza. Affolatissimo durante il weekend, è nelle altre serate un’ottima scelta per una buona birra e due chiacchere. Nelle serate d’inverno venite qui a scaldarvi con quello che secondo me è il miglior Irish coffee di Dublino. Seppur la sala con i tavolini sia spaziosa e comoda, in questo pub preferisco di gran lunga la zona del bancone. Venite a dare un’occhiata all’arredamento e ditemi se siete d’accordo con me! Quando vengo sola, invece, mi piace sedermi alla finestra e osservare i passanti in George St. Come già detto per il Palace Bar, anche qui la scelta di birre alla spina è più ampia rispetto all’offerta standard Guinness-Smithwicks-Carlsberg-poco altro.

Indirizzo: 51 South Great George’s St, Dublin 2

Zona fumatori: no
Cibo: no
Musica dal vivo: no

Long Hall, pub a Dublino

The Swan Bar

Un pub di cui mi dimentico sempre, e a torto. È un bellissimo pub storico in zona centrale. Non fate come me: andateci.

Indirizzo: Aungier St, Dublin 2

Zona fumatori: non so :(
Cibo: non so :(
Musica: sì, ma non so quando e cosa : (

Nota: sito non ufficiale

Swan pub, Dublino

Library Bar

È il segreto più conosciuto di Dublino. Nascosto al piano superiore del Central Hotel, il Library Bar è aperto anche a chi non soggiorna presso l’albergo. Qui non mi sento mai in un pub, piuttosto a casa di amici ricchi che gentilmente mi concedono di trascorrere un paio d’ore nel loro elegante e caldo salotto. Le poltrone comodissime, il caminetto sempre acceso, l’atmosfera ovattata nonostante il chiacchericcio dei numerosi clienti mi hanno fatto eleggere questo bar come mio rifugio intellettuale, luogo perfetto per leggere o scrivere. O portarci la mamma o qualunque altra persona con cui vi fa piacere conversare – sobri – per ore. Sì, sobri: questo non è un bar da sbronze, qui non si fanno “ronde”, si sorseggia, che sia birra, whiskey, caffè o the ciò che avete ordinato. Qui non è raro sentir disquisire di poesia o incontrare gruppi di amiche che fanno la maglia, ma la clientela abituale è fatta perlopiù di un buon numero di ragazzi col Mac, anziani che leggono il giornale, donne di ritorno da una intensa – e costosa – sessione di shopping e gente di ogni età che legge libri di vario spessore culturale, dalla nuova Bridget Jones alle meditazioni di Marco Aurelio, con tutto ciò che ci sta in mezzo. Non mancano le coppie, spesso al primo appuntamento. D’altronde, è così che io ho scoperto questo tesoro nascosto, e anche se quella persona poi non l’ho più vista lo ricordo ancora per avermi fatto conoscere uno dei miei luoghi preferiti a Dublino.

Library Bar, Dublino

 

Unico difetto? Pur essendo “nascosto” è molto conosciuto pertanto spesso è impossibile trovare posto da sedersi, e questo è certamente l’unico bar di Dublino dove nessuno vuole stare in piedi.

Indirizzo: 1 Exchequer St, Dublin 2

Zona fumatori: no
Cibo: si
Musica dal vivo: no

Mulligan’s

Un altro pub di cui mi dimentico spesso e me ne pento. Il Mulligan’s (o John Mulligan, da non confondere con il L. Mulligan Grocer a Stoneybatter) è un altro vero pub tradizionale irlandese, solo legno e niente fronzoli messi ad hoc per i turisti. In posizione centralissima a pochi minuti a piedi dall’entrata principale del Trinity College, si nasconde alla vista dei turisti nella corta e poco frequentata Poolbeg st. Ha un passato letterario e vanta James Joyce tra i suoi clienti abituali del passato, mentre oggi a riempirne le sale e svuotarne i bicchieri sono gli impiegati degli uffici vicini. L’eredità letteraria viene mantenuta dai giornalisti dell’Irish Times, che ha la sede lì vicino.

Indirizzo: Poolbeg St, Dublin 2

Zona fumatori: vado a memoria… no
Cibo: no
Musica tradizionale: no

Ti è piaciuto quest'articolo? Condividilo! Facebooktwitter

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.