Come si diventa Sommelier della birra

Questo post è OT (Off Topic), ovvero fuori tema rispetto all’argomento Birre e Turismo di questo blog. Lo scrivo perché mi è stato chiesto via email un parere sui corsi da Beer Sommelier da me frequentati e ho pensato che queste informazioni potrebbero interessare altre persone.

I prezzi indicati si riferiscono al 2016. Controllate sempre i siti ufficiali per informazioni aggiornate!

lista birre

Il sommelier della birra è una figura professionale piuttosto recente. Il miglior modo per descrivere le mansioni di un Beer Sommelier è dire che fa le stesse cose del sommelier del vino, ma con la birra. Va subito precisato che la figura del sommelier della birra non è riconosciuta dalla legge, ovvero non esiste un albo o ordine professionale, né viene regolamentato in qualche modo l’accesso alla professione. In pratica, chiunque potrebbe dire di essere un sommelier della birra. Ovviamente, per proporsi a locali e ristoranti o per offrire consulenze ad aziende e privati occorre avere delle qualifiche spendibili. Ma come ottenerle?

Corsi in inglese – Inghilterra e Irlanda, Nord America

In Gran Bretagna e in Irlanda si è imposto un unico ente formativo per la formazione professionale dei sommelier della birra: Beer Academy, una branca dell’Institute of Brewing and Distilling (IBD). Il percorso formativo prevede tre corsi obbligatori della durata di un giorno ciascuno (Foundation, Advanced, How to Judge Beer), un corso facoltativo di mezza giornata (Beer and Food Matching) e l’esame finale. All’esame finale va presentato un portfolio con le proprie esperienze nel settore birra; durante la parte pratica si dovrà analizzare e descrivere campioni di birra, riconoscerne lo stile, individuare eventuali off-flavours e rispondere a domande attinenti i temi dei corsi.

Questi sono i corsi che ho frequentato io. Sono la prima italiana ad aver ottenuto la qualifica di Beer Sommelier di Beer Academy e alla data in cui scrivo ancora l’unica. Se avete domande su questi corsi contattatemi.

la stella del Beer Sommelier

In Nord America il percorso formativo più noto è il Cicerone Certification Program. I livelli sono quattro: Beer Server, Certified Cicerone, Advanced Cicerone e Master Cicerone. L’ultimo livello è estremamente selettivo e solo pochissime persone al mondo sono riuscite a passare l’esame finale. Questo titolo è quindi molto prestigioso. Il livello Certified invece mi sembra abbastanza accessibile: si ottiene con un esame online, per cui certamente è necessario studiare ma con il giusto impegno mi sembra alla portata di tutti.

Corsi in Italia

In Italia, in maniera tipicamente italiana, non c’è un’organizzazione che viene riconosciuta come l’ente formativo di riferimento, ma una pletora di associazioni ed enti che organizzano i propri corsi, senza alcun coordinamento o collaborazione.

Come fare allora a scegliere un corso? In effetti è un po’ difficile. Il mio consiglio è rivolgersi a un’associazione ben nota e ormai radicata sul territorio. Per esempio:

  • MoBi – Movimento Birra
    Associazione di consumatori che si prefigge l’obiettivo di promuovere la cultura della birra. Organizza corsi di degustazione e homebrewing ed è referente in Italia per l’esame da giudice della birra BJCP, il che dovrebbe essere di per sé garanzia di serietà.
  • Unionbirrai
    Il  sito è molto fastidioso, con poca attenzione all’usabilità, dove reperire informazioni è un po’ difficile, ma l’associazione è un vero punto di riferimento nel settore e i commenti sui corsi che ho sentito qua e là sono positivi. Inoltre avere frequentato i loro corsi vi permette di partecipare come degustatore alle manifestazioni organizzate dall’associazione.
  • Fermento Birra
    Decisamente i migliori in termini di comunicazione: il programma dei corsi viene descritto dettagliatamente nel loro sito. Mi pare interessante e ben fatto.

Tutti questi corsi non si svolgono con la modalità “intensive”, ovvero giornata piena, dei corsi Beer Academy. Prevedono invece un incontro di circa due ore alla settimana. Il numero delle lezioni varia a seconda dell’associazione, così come il costo del corso. Diciamo circa 200 euro a corso, ricordate però che in alcuni casi questo copre solo il primo livello. Per continuare il vostro percorso formativo dovete iscriversi al corso successivo, pagandolo a parte.

Segnalo anche un altro corso da me frequentato, ovvero il corso di Degustazione Tecnica della Birra organizzato annualmente dal CERB, Centro di eccellenza per la ricerca sulla birra con sede a Casalina di Deruta, in provincia di Perugia. Il corso è molto “tecnico”, come dice il titolo, forse non adatto a chi non ha conoscenze base sui processi di produzione della birra. Il valore aggiunto è dato dal personale docente, di formazione accademica e quindi estremamente qualificato. Il corso ha la durata di due giorni. Unico neo? Il prezzo a mio avviso eccessivo: 550 euro.

sede CERB, centro di eccellenza per la ricerca sulla birra

Un corso a carattere fortemente professionalizzante è quello dell’Accademia Doemens, prestigioso ente di formazione sulla birra con sede in Germania. Da poco ha anche una branca italiana, Arte-Bier,  che organizza corsi soltanto in lingua italiana, due volte all’anno. Ciascun corso dura due settimane, una in Germania e una in Italia, e può essere frequentato da un numero ridotto di allievi (credo che il massimo sia 14). I posti sono richiestissimi pertanto chi è interessato deve già iscriversi ora per i corsi 2017. Il costo? Beh come tutte le cose esclusive anche questo corso si paga parecchio, qualche migliaia di euro pernottamento escluso… Vale il prezzo? Onestamente non so se vi dia molto più degli altri corsi in termini di conoscenza, certamente vi dà molto in termini di prestigio.

Il mondo del vino sta iniziando ad interessarsi alla birra e quindi corsi di sommelier del vino, ad esempio quelli di AIS – Associazione Italiana Sommelier, prevedono anche un modulo o più sulla birra. Ovviamente consiglio questi corsi a chi ha un interesse maggiore per il vino, pur amando anche la birra.

Segnala nuovi corsi!

La lista dei corsi che vi ho proposto non è esaustiva: ho segnalato solo i corsi di mia conoscenza, ma è possibile che ne esistano altri altrettanto validi.

Ho ricevuto la segnalazione di un lettore che mi informa, giustamente, che esiste anche l’Unione Degustatori Birre. I corsi sono articolati in 14 lezioni tenute da degustatori, sommelier, publican e produttori di birra; è previsto un esame finale. Da quel che leggo nel loro sito al momento i corsi vengono organizzati soltanto in alcune regioni, ma è possibile richiedere l’attivazione di un corso anche in altre città.

Sei a conoscenza di altri corsi da aggiungere a questa lista? Scrivimi un’email con l’indirizzo del sito di presentazione dei corsi e li aggiungerò!

Studiare per conto proprio

Non esiste corso che sia sufficiente di per sé ad acquisire le conoscenze utili a svolgere la professione di Beer Sommelier. I corsi danno la nozioni teoriche e alcuni esempi pratici, ma per passare gli esami e soprattutto per poter lavorare mettete in conto molte ore di self-study.

Partecipate a quante più degustazioni possibili; se esiste un beer club nella vostra zona frequentatelo. Fondamentale poi è visitare i birrifici per farsi un’idea reale di come viene prodotta la birra. Non mancate di visitare un birrificio in ogni vostro viaggio! Anche leggere è molto utile, di libri sulla birra ce ne sono moltissimi.

Purtroppo in italiano ancora poco è stato tradotto, o scritto, ma si possono trovare testi fondamentali come Degustare le birre. Tutti i segreti della bevanda più buona del mondo di Randy Mosher e alcuni libri del celeberrimo Michael Jackson (lo scrittore, non il cantante). Ogni corso serio dovrebbe indicarvi una lista di letture consigliate. Altre cose che potete fare per esercitarvi è organizzare cene con abbinamenti cibo-birra per i vostri amici o acquistare uno dei kit off-flavour (ahimè molto costosi) per esercitarvi a riconoscere i difetti della birra. Ma la cosa più utile in assoluto è degustare, degustare, degustare.

Degustare le birre di Randy Mosher

Acquista su Amazon.it

Beer Sommelier o Beer Judge?

Attenzione a non confondere Beer Sommelier con Beer Judge. Sono due figure con molti punti in comune, e infatti spesso chi fa una cosa fa anche l’altra, ma non uguali. Il giudice della birra è più “tecnico”, deve valutare una birra nell’ambito di competizioni, nazionali o internazionali, sulla base di linea guida predefinite. Per dirla in parole povere il giudice della birra deve stabilire se un prodotto è “fatto bene” secondo le caratteristiche tipiche del particolare stile di birra che si sta giudicando.

Per diventare giudice della birra il percorso standard è seguire i corsi e gli esami del Beer Judge Certification Program che è riconosciuto internazionalmente. Il percorso è tosto, richiede motivazione e molte ore di studio.

Il primo passo è superare l’esame online, poi bisogna sostenere il primo esame “di persona”, scritto e orale. Gli esami vanno prenotati con larghissimo anticipo, tanto che IL BCJP consiglia di NON dare l’esame online se non si ha già prenotato una sessione d’esame faccia a faccia: rischiereste di non trovare posto. L’anno prossimo l’esame si terrà anche in Italia. Non so se ci sono ancora posti disponibili…

Certificazione HACCP

Se il vostro ruolo non si limita a consigliare le birre da servire ma anche l’atto pratico di servirle, ricordate che in Italia per legge dovete essere in possesso di certificazione HACCP. Per legge infatti chiunque somministri cibi o bevande al pubblico, anche se nell’ambito di una manifestazione non a scopo di lucro, deve avere la certificazione HACCP per addetto alla somministrazione di cibi o bevande. Quest’obbligo di legge sostituisce l’ex libretto sanitario.

Il certificato si ottiene dopo aver frequentato un corso di circa 8 ore. Esistono sia corsi con lezioni in aula che corsi online. Il costo varia dai 20 euro per le offerte online ai 100 euro circa per le lezioni in aula. Non va confuso con i corsi HACCP per i titolari dei locali, che hanno una durata e un costo superiore.

Opportunità lavorative

Quali sono le opportunità lavorative per un sommelier della birra? Come per il sommelier del vino, anche il sommelier della birra è quasi sempre un libero professionista. Trovare lavoro dipende molto dalla propria abilità di autopromozione e di crearsi un proprio network professionale. Insomma, bisogna farsi le ossa sul campo e farsi conoscere.

Io mi sono diplomata a gennaio 2016 e a tutt’oggi ho condotto solo piccoli eventi, con i quali ho guadagnato poco o niente. Mi sono stati però molto utili per imparare a relazionarmi con il pubblico, a capire le giuste tempistiche nella conduzione di un evento, a prendere i primi contatti e iniziare a farmi conoscere.

Spero di avervi dato informazioni utili! Se avete una domanda specifica scrivete un commento qui sotto o contattatemi in privato.

Ti è piaciuto quest'articolo? Condividilo! Facebooktwittergoogle_plus

Comments

  1. Ciao Arianna,
    per l’italia vorrei segnalarti anche l’Unione Degustatori Birre.
    Puoi trovare info e dettagli sui corsi qui: http://www.udbirre.it/.
    Grazie per l’eventuale segnalazione/pubblicazione ;)

    1. laragazzaconlavaligia says:

      ciao
      grazie per la segnalazione :) Ho aggiunto il corso alla lista presente in questo articolo. Cheers, Arianna

  2. Lucaz says:

    Ciao Arianna,

    grazie per le info, il tuo blog è stato utile! :)

    1. laragazzaconlavaligia says:

      sono molto felice di esserti stata utile! Cheers

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *