I 5 ostelli più belli della mia vita

Economico non è sinonimo di brutto. Nei miei viaggi e vacanze dormo quasi sempre in ostello e alcuni di questi sono stati l’elemento che ha reso speciale il tempo trascorso in quel luogo.

Sì, ci sono ostelli così belli o dall’atmosfera così speciale che diventano essi stessi un’attrazione turistica.

Ecco cinque ostelli che mi sono rimasti nel cuore. Con la sola eccezione dell’ultimo, mi sono costati tutti meno di 20 euro a notte.

1. Aille River Hostel, Doolin, Irlanda

Ancora oggi, a distanza di quasi 10 anni dal mio soggiorno, l’ostello Aille River a Doolin, nell’ovest d’Irlanda, rimane il mio preferito, quello a cui sono più affezionata.

Una casetta in pietra che da secoli fiancheggia un piccolo fiume, tanto legno e un caminetto con il fuoco acceso per la maggior parte dell’anno. Potrete trascorrere le vostre giornate tra splendide camminate (inclusa quella alle leggendarie scogliere di Moher) e pub tradizionali dove ogni sera si può ascoltare musica irlandese.

Il personale è di una gentilezza squisita e riesce a creare un’atmosfera di calore e socialità davvero unica. Per me il bello dell’Irlanda è tutto racchiuso qui.

2. Stadtalm Naturfreundehaus, Strasburgo, Austria

Vista dall’ostello Stadtalm di Salisburgo: da un lato il centro città…Posto su una splendida posizione panoramica in cima al monte Mönchsberg con vista sulla città e sulla fortezza di Salisburgo, l’ostello Stadtalm ha dei caldi arredi in legno e un bar-ristorante davvero accogliente.

Se le temperature lo permettono, sedetevi sulle panche di legno all’aperto a bere una birra austriaca, magari per accompagnare un pasto gustoso ammirando dall’alto una città splendida ed elegantissima.vista dall'ostello Stadtalm Naturfreundehaus a Salisburgo

Il personale parla poco inglese ed arrivare in ostello potrebbe essere faticoso, soprattutto se avete dei bagagli pesanti, ma la bellezza del luogo e la sua calda atmosfera vi ricompenserà ampiamente.

3. Serenity EcoGuesthouse, Canggu, Bali (Indonesia)

giardino dell'ostello Serenity Ecoguesthouse, Bali

Un angolo di paradiso: questo per me è stato l’ostello Serenity Ecoguesthouse a Canggu (Bali), dove ho trascorso una settimana di totale relax tra tuffi in piscina, sonnellini all’ombra delle piante, massaggi e lezioni di yoga. La spiaggia si trova a soli due minuti a piedi!

piscina dell'ostello Serenity Ecoguesthouse a Bali

Quanto ho speso per tutto questo ben di Dio? 13 euro a notte in stanza singola. Sì perché costava così poco che per una volta non sono voluta andare in dormitorio e mi sono concessa il lusso della stanza singola!

4. Grannys Inn, Sliema, Malta

Pensate che gli ostelli siano qualcosa di squallido e sporco? Soggiornate all’ostello Grannys Inn a Malta e cambierete idea.

ostello grannys inn a malta

 

Ospitato all’interno di una elegante casa tradizionale maltese, l’ostello è gestito da due fratelli, che hanno ereditato la casa dalla loro nonna.

Comodo e pulito come un hotel 3 stelle ma economico come un ostello low cost, situato in una comoda posizione vicina alla spiaggia e alle fermate degli autobus, Grannys Inn è una soluzione perfetta per giorni di sole e pace.

5. Great Wall Box House, Gubeikou, Cina

Questo ostello ha riscattato la Cina da una quasi certa vittoria al titolo “paese con i peggiori ostelli al mondo”. Dopo tanti luoghi freddi, sporchi, con personale dall’indifferente al cafone, ho trovato all’ostello Great Wall Box House nel grazioso villaggio di Gubeikou, a circa due ore da Pechino un piccolo angolo di paradiso.

ostello Great Wall Box House a Gubeikou, Cina

L’ostello è carinissimo e si trova giusto a ridosso di una sezione della Grande Muraglia. Da qui potete facilmente farne a piedi tre, di cui una tra le più selvagge e meno turistiche e una invece tra le più famose e visitate: a voi la scelta!

Caso quasi unico in Cina, il personale – gentilissimo – parla un inglese perfetto ed è molto disponibile ad aiutare gli ospiti a organizzare le proprie attività quotidiane.

ostello Great Wall Box House a Gubeikou, Cina

 

Ho speso 25 euro a notte, notevolmente di più rispetto alla media degli ostelli cinesi, ma nel prezzo erano incluse colazione e una gustosa cena vegetariana.

Ti è piaciuto quest'articolo? Condividilo! Facebooktwittergoogle_plus

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *