Foto(montaggio?) del mese

Uno dei miei viaggi più belli fu quello in Vietnam dell’ottobre 2013. Non mi stanco mai di tornare a guardare le foto di quel viaggio.

Questa qui però sembra un po’ finta, vero? Invece non c’è traccia di Photoshop.

gita in barca ad halong bay

Siamo ad Halong Bay.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Umbria low cost con le offerte Groupon

Ho scelto per te le offerte della provincia di Perugia più interessanti

Groupon è un sito che vado spesso a spulciare in cerca di offerte e sconti per piccoli lussi che a prezzo pieno non potrei permettermi, come massaggi, spa, soggiorni in hotel o b&b di categoria superiore a quelli che normalmente prenoto, corsi e attività. Ci vuole molto tempo a cercare: alcune offerte non sono poi così convenienti come sembrano, altre sono molto buone ma non di mio interesse.

Non perdere tempo a cercare offerte in Umbria: l’ho fatto io per te. Da quando mi sono trasferita a Perugia ho cercato di fare quante più cose possibili nel limitato budget di una persona che al momento non ha un’occupazione fissa a tempo pieno e Groupon mi è stato d’aiuto. Con le offerte che ho trovato puoi rendere la tua vacanza in Umbria più interessante senza spendere una follia. Ricordati però che le offerte hanno un tempo limitato: se sei interessato affrettati ad acquistare e prenota con largo anticipo.

collina umbra in fiore

Tour enogastronomici

Il tuo soggiorno in Umbria non può non comprendere un tour enogastronomico: mangiare e bere bene è una delle caratteristiche che rende piacevole soggiornare in questa regione. Quel che ti propongo è una visita alla cantina Todini, nei pressi di Todi: una realtà agricola di 120 ettari con 20 ettari di vigneto, una piccola cantina e allevamenti. Perchè non crei un tuo itinerario di una giornata con visita alla città e alla cantina?

Il prezzo per la visita guidata alla cantina più degustazione di vini, salumi e formaggi è di soli 16,90 euro per due persone o 26,90 per quattro persone. La degustazione comprende 4 bicchieri di vino tra cui un Grechetto di Todi DOC. Se leggi questo blog sai che io preferisco bere birra che vino, ma ti garantisco che un bel bicchiere di grechetto fresco in una giornata di sole va giù che è un piacere! :)

Offerta Cantina Todini – Acquista

Se preferisci restare nei dintorni di Assisi puoi visitare la cantina TiliVini, azienda agricola produttrice di vino e olio dal 1978. Una visita con degustazione di vini e formaggi con bruschette costa dai 14.90 (2 persone) ai 39.90 euro (6 persone). Avrai inoltre diritto al 10% di sconto sugli acquisti presso lo spaccio aziendali.

Offerta Cantina TiliVini – Acquista

Terme e massaggi

Durante la tua vacanza in Umbria concediti un po’ di relax, te lo meriti. Perchè non ti regali due ore di coccole in una spa? Le offerte che ho selezionato per te ti consentono di avere una spa in esclusiva: sì, soltanto tu e la persona che viene con te!

Io ho scelto RB Beauty – Canalicchio Wellness per festeggiare un romantico anniversario con il mio ragazzo. Questo centro benessere in località Collazzone vanta una posizione straordinaria all’interno della Tenuta Torre Burchio, un podere privato di 600 ettari immersi nel verde. Il centro benessere è avvolto da un bosco secolare con vista lago. Il silenzio e la bellezza del luogo, unita all’esclusività della spa e alla professionalità degli operatori, ti faranno dimenticare ogni preoccupazione, disagio, malumore. Se cerchi un posto dove rinascere inizia da qui. Il centro dispone di una piscina con idromassaggia, doccia emozionale, sauna, grotta sudatoria, vasca refrigerante e area relax.

Quanto costano due ore e mezzo di lusso e benessere? Soltanto 49,90 euro a coppia, compresi:

  • uso esclusivo della spa
  • un massaggio da 20 minuti a persona (schiena per lui, viso per lei)
  • tisana rilassante e pasticcini serviti in sala cromo-aroma-musicoterapia

Affrettati a prenotare perchè l’offerta non durerà ancora a lungo!

Vasca refrigerante al Relais RB Canalicchio Wellness

Offerta RB Beauty Canalicchio Wellness – Acquista

 

Se non vuoi allontanarti dalla città ma vuoi comunque godere di natura e relax l’offerta di Spa Domo fa proprio per te. Questa spa privata ha sede in via dell’Ingegneria, a pochi minuti di macchina dal centro o raggiungibile in circa 10 minuti a piedi dal capolinea Minimetrò a Pian di Massiano. Prima o dopo il trattamento, puoi fare il pieno di ossigeno al percorso verde della città di Perugia, a soli cinque minuti a piedi dalla spa.

Il percorso Sensazioni Magiche comprende un flûte di prosecco e uno spiedino di frutta a testa, camera in day use e ingresso di un’ora e mezza alla spa privata con idromassaggio, calidarium e sauna secca finlandese e costa solo 49,95 euro (prezzo per DUE persone!).  Con soli quindici euro in più puoi aggiungere un massaggio rilassante di circa mezz’ora a testa. Vuoi cenare dopo il tuo trattamento? Con soli 74,99 euro puoi acquistare un pacchetto con spa privata (percorso “Sensazioni Magiche”), massaggio e cena di tre portate con prodotti locali e stagionali.

Offerta Spa Domo – Acquista

Equitazione

Se ami la natura e gli animali e al tempo stesso vuoi fare un po’ di sport durante la tua vacanza ti suggerisco le lezioni di equitazione della Scuderia dell’Unicorno. Sono disponibili anche pacchetti da 3 o 5 lezioni per una o due persone. I prezzi partono da 24,90 euro.

Il motivo per cui ti segnalo questa offerta non è solo il prezzo superconveniente, ma perchè acquistando un pacchetto di lezioni fai una scelta di turismo responsabile. La scuderia è infatti impegnata nel sensibilizzare le persone al maltrattamento e all’abbandono dei cavalli. Qui adulti e bambini vengono avvicinati al mondo del cavallo partendo da una conoscenza da terra dell’animale e da una condivisione del rispetto e benessero dello stesso che poi porta ad un benessere anche per l’essere umano.

E’ possibile scegliere tra lezioni e passeggiate.

cavalli a Castelluccio di Norcia

Offerta Scuderie dell’Unicorno – Acquista

Hotel e B&B

Se cerchi alloggio per la tua vacanza in Umbria dai un’occhiata a queste offerte, potrebbero fare al caso tuo:

Notte in castello vicino a Perugia a partire da 59 euro

Perugia Park Hotel 4*L – camera doppia, colazione, spa da 59 euro a notte

Country Hotel in Umbria a partire da 34 euro

Nuovo Mondo B&B (Montefalco) – camera doppia, colazione, uso piscina da 79 euro a notte

Assisi, Le Dimore di San Crispino – 1 notte con colazione e spa o 1 e 2 notti in mezza pensione a partire da 59 euro

Avvertenze

Prima di acquistare un’offerta ricordati di leggere molto bene le condizioni: eviterai così brutte sorprese!

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Birra in Umbria: degustazioni private

Sei in vacanza in Umbria e vuoi aggiungere qualcosa di originale alla tua vacanza?

Vivi qui ma non hai mai assaggiato birre umbre?

Organizzo per te un evento privato nel centro di Perugia durante il quale potrai degustare gustose birre artigianali locali, scoprire nuovi abbinamenti cibo-birra o semplicemente farti un aperitivo originale!

Fatti accompagnare alla scoperta delle birre umbre da una Beer Sommelier qualificata. Dimmi quando e per quante persone e io organizzerò per te una degustazione privata in un locale del centro storico di Perugia. Durante la degustazione a seconda dei tuoi interessi ti parlerò di come viene prodotta la birra, ti fornirò una panoramica dei birrifici operanti in Umbria, ti consiglierò abbinamenti cibo-birra.

Il numero minimo di partecipanti a un evento privato è due persone. Il numero massimo? Contattami e ne parliamo insieme!

I prezzi variano in base al tipo di evento e al numero di partecipanti. Scrivimi per maggiori informazioni: chiedere informazioni è gratis e non comporta alcun obbligo :)

birre artigianali umbre

Un evento su misura per te

Ogni evento viene organizzato su misura per te in base alle tue preferenze. Ecco alcune proposte:

Birre artigianali locali

Una degustazione 100% birra con alcune tra le più interessanti birre umbre. Suggerisco di provare 4-5 birre, ma possiamo concordare insieme il numero di birre.

Puoi scegliere se assaggiare più birre dello stesso birrificio, birre dello stesso stile prodotte da birrifici diversi, birre di stili e birrifici diversi, birre con ingredienti particolari…

Non sai cosa scegliere? Lasciati consigliare da una Beer sommelier qualificata.

birra umbra

Birra e cioccolato

Chi l’ha detto che birra e cioccolato non vanno d’accordo? Scopri l’abbinamento più goloso nella città del cioccolato. 4-5 birre umbre o internazionali abbinate a cioccolatini, tavolette, dolci prodotti in Umbria.

Aperitivo birra

Vuoi fare un aperitivo originale? Perchè non accompagnare le birre da assaggiare con un piatto di stuzzichini o un tagliere di salumi e formaggi? E’ un ottimo modo per concludere un pomeriggio di visite turistiche e per iniziare al meglio la serata. Ed è anche più leggero rispetto ad un aperitivo a base di vino!

aperitivo birra

Come funziona

  1. Invia la tua richiesta di prenotazione via email a info@laragazzaconlavaligia.com indicando:
    – data e orario preferiti (se possibile, aggiungi un paio di opzioni alternative qualora non fossi disponibile nella data richiesta)
    – numero di persone
    – tipologia di evento preferito, da scegliere tra quelli proposti qui sopra o suggerito da te
    – eventuali richieste specifiche
  2. Al più presto riceverai da me una risposta. In base alle tue richieste, confezionerò un evento su misura per te. Nella mia email di risposta troverai le informazioni dettagliate sull’evento, il prezzo a persona e le istruzioni per il pagamento.
  3. Se sei soddisfatto, prenota effettuando il pagamento.
  4. Riceverai da me una conferma della tua prenotazione.
  5. Ci vediamo il giorno dell’evento!

Non sei soddisfatto? Riscrivimi indicando cosa vorresti modificare e ti ricontatterò al più presto.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Il libro viaggiatore

L’ho trovato nella zona bookcrossing di un ostello a Milano.
L’ho preso e portato a Perugia.
L’ho letto, un po’ a Perugia un po’ in un monastero a Farfa, provincia di Rieti.
Lo porterò a Padova, per farlo leggere a mio fratello.
Gli chiederò di farlo viaggiare ancora dopo averlo letto.

libro Sulla strada giusta, dedica dell'autore Francesco Grandis

Un libro pericoloso

Sulla strada giusta è un libro che non ha bisogno di promozione da parte mia: vive già di vita propria, è infatti un’esperienza di autopubblicazione di successo costruita principalmente sul passaparola online. Conoscevo già il sito di Francesco Grandis, autore del libro, noto sul web come Wandering Wil. Sapevo anche della pubblicazione di Sulla strada giusta. Ma nonostante apprezzassi i suoi contenuti online non ho voluto comprare il libro perchè avevo paura. Subodoravo che fosse un libro “pericoloso”, uno di quelli che scuotono le coscienze, quelli che ti fanno rimettere in discussione. Ok, diciamo la verità: era la mia bassa autostima a non voler leggere questo libro. Non voleva leggere la storia di qualcuno che, a differenza di me, ce l’aveva fatta, era riuscito cioè a trovare un modo di mantenersi che lo liberasse dalle catene dell’ufficio e gli permettesse di avere più tempo libero e di viaggiare. Perchè era quello che volevo anch’io, ma non ci riuscivo. Occhio non legge, cuore non duole.

Al momento giusto

Senonchè questo libro si è fatto trovare sulla mia strada. Coincidenze? Francesco Grandis dice che non ci crede più alle coincidenze, e questa volta voglio pensare che abbia ragione. Possibile che io abbia trovato PER CASO un libro che CONSAPEVOLMENTE avevo evitato di comprare perchè ne avevo paura? Ed è sempre un caso che io l’abbia trovato in un momento di piena crisi personale dovuta proprio all’incapacità di trovare la mia strada giusta?

Dove siamo?

Cosa racconta Francesco Grandis nel suo libro? Perchè avevo tanta paura di leggerlo e al tempo stesso non ho esitato un attimo a prenderlo appena l’ho visto in una stazione bookcrossing?

Francesco Grandis racconta una parte importante della sua vita che va dal giorno della laurea fino al presente. Cosa accade nel mentre? Francesco si laurea in ingegneria, trova presto un lavoro sicuro e per gli standard italiani ben pagato. Inizia a lavorare pieno di entusiasmo e motivazione, ma gli ci vogliono solo due anni per capire che quel tipo di vita non fa per lui. Ambienti chiusi, poco salubri, orari massacranti, noia e ripetitività. Scopo di tutto ciò? Far soldi. Una vita non sana a cui lui dice basta. Gli danno del matto, ma sei scemo a lasciare un lavoro in tempi di crisi? Parte per un giro del mondo di sei mesi. Quando torna non ha alcuna intenzione di tornare alla vita dell’ufficio e a tutto ciò che comporta. Inizia a lavorare come programmatore free lance, lavorando in remoto per una ditta straniera. Potrebbe guadagnare molto con questo lavoro, ma non gli interessa. Lavora il tanto che gli basta per mantenersi e il resto del tempo lo spende per se stesso. Inoltre, il non essere legato a un luogo fisico per poter lavorare gli permette di fare viaggi lunghi. Cosa succede poi non ve lo racconto sennò vi perdete il gusto della lettura… lascio a voi il gusto di ripercorrere insieme a Wandering Wil il suo personalissimo itinerario alla ricerca della felicità. Non aspettatevi facili ricette per la felicità, non ci sono istruzioni nè compiti da svolgere. Vi darà però una sua visione del come o dove sta cercando la felicità che potrete adattare al vostro modo di essere e intendere la vita. Cercate i VOSTRI indizi.

Un compagno di viaggio

Leggendo questo libro io ho avuto la sensazione di aver finalmente trovato un amico capace di capirmi. A febbraio 2015 sono passata da un lavoro in ufficio a tempo pieno a un part time. Non ne potevo più della vita da ufficio. Mi sentivo triste come un animale chiuso in una gabbia dello zoo. Ero diventata apatica, negativa, cinica, senza energie. Ho chiesto di avere il part time per iniziare a lavorare a dei progetti personali. Mi sono dovuta licenziare perchè accettassero di darmi il part time. Per sei mesi la cosa ha funzionato, ma le dinamiche da ufficio erano comunque le stesse e mi è sembrato che il part time non fosse nè carne nè pesce. Mi sono licenziata definitivamente. Da allora, settembre 2015, vivo di risparmi nel tentativo di “costruirmi” una professione che mi consenta di vivere a ritmi più umani.

In questa mia ricerca di una vita più umana mi sono sentita, e mi sento ancora, tanto sola. A parole tutti dicono di odiare l’ufficio, ma poi chi lo lascia viene guardato come se fosse un folle. Quante volte dopo aver lasciato il lavoro a tempo pieno in ufficio per dedicarmi ai miei progetti personali mi sono sentita dire che lavoravo solo tre giorni a settimana! Me lo dicevano ridendo, come battutine, ma erano quelle battutine con cui si vuole infilare nei discorsi le verità scomode. Io ci restavo molto male: non ero passata da un full time a un part time perchè ero una scansafatiche. Il lunedì e il martedì, giorni in cui lavoravo da casa, facevo molta più fatica che il mercoledì, giovedì e venerdì, giorni in cui tornavo a lavorare in ufficio. A casa lavoravo molte più ore e con molte meno distrazioni. Ma per i miei amici non stavo facendo niente. Ho lavorato anche il giorno di Natale e il giorno di Pasqua ma la percezione comune è che non faccio un cazzo dalla mattina alla sera. All’epoca ci stavo male ma ero convinta che con l’impegno sarei riuscita a mantenermi facendo qualcosa che mi piaceva ed andavo avanti motivata. Con il trasferimento in Italia, però, le cose per me si sono complicate. Le mie idee, i progetti che avevo iniziato a Dublino, si sono rivelati impossibili nel nuovo contesto in cui mi trovo a vivere. Ho dovuto ricominciare daccapo e a quel punto la motivazione ha iniziato a vacillare. Ho iniziato a sentire il tic tac dell’orologio, i soldi che escono dal conto in banca e non rientrano mai. Sento che ho sempre meno tempo, devo fare presto sennò mi tocca tornare in ufficio. NON VOGLIO.

Nel mezzo di questa mia crisi personale è arrivato il libro. Ho iniziato a leggerlo scettica ma dopo le prime pagine mi sono rilassata e ben presto appassionata. Non mi pareva vero! Wandering Wil aveva messo nero su bianco i miei pensieri in maniera molto più precisa e chiara di quel che avrei potuto fare io. L’inutilità di molte delle cose che abbiamo, le menzogne che ci creiamo per non avere le palle di rischiare, la natura come luogo in cui essere felici, l’assurdità della vita moderna: io non ne so parlare in maniera chiara e convincente, ma Francesco Grandis sì.

Mi ha fatto capire che sono già sulla strada giusta, anche se forse non ho le gambe allenate di Wandering Wil, o magari mi manca la sua razionalità o forse semplicemente sono una testa di cazzo. Sto percorrendo la mia strada senza mappe e ad ogni bivio c’è la possibilità di prendere la direzione sbagliata; questo mi costringe a tornare sui miei passi, impiegare più tempo per arrivare, fare più fatica. Ma il dire no a una vita che non amavo è stato il giusto punto di partenza per crearmene una che valga la pena di vivere.

Grazie

Grazie Wil per la tua testimonianza, per avermi fatto sapere che non sono pazza, che lo sforzo che sto facendo val la pena. Grazie per esserti fatto trovare sulla mia strada nel momento in cui avevo bisogno di te. Grazie per avermi ridato la voglia di provarci. Non ti nascondo che ho paura, ma ho voglia di continuare la mia strada. Grazie per non aver nascosto i tuoi pianti, perchè se mi avessi raccontato solo le cose belle io non ti avrei creduto. Avrei pensato che tanto tu hai la laurea in Ingegneria e io un’inutile laurea in Scienze della comunicazione, ma questo che cazzo vuol dire? Non è il titolo di studio ad assicurarti la felicità.

E adesso a voi…

Se avete letto fin qui, vi consiglio fortemente di acquistare questo libro. Sono dodici euro o giù di lì che vi faranno più bene di un quintale di antidepressivi.

Tutti dovrebbero leggerlo: le persone curiose, sensibili, quelle che ne hanno le palle piene,  chi ha già trovato la sua strada e chi la sta cercando, chi vuole spunti di riflessione e chi invece vuole “solo” un bel racconto di viaggio. Un viaggio all’interno di sè più che un viaggio in vari paesi.

Scritto bene, in uno stile immediato ed efficace, editing curato, citazioni ben scelte e messe al posto giusto.

copertina del libro "Sulla strada giusta" di Francesco GrandisAcquista su Amazon

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Del perchè non odio RyanAir

All’imbarco una lunga fila di persone attende di salire in aereo. Una ragazza tenta con fatica di spingere il suo bagaglio, palesemente troppo grande, dentro a un cesto che serve a verificarne le dimensioni. Con tono neutro, la hostess le dice che la valigia non rientra nelle dimensioni consentite e dovrà pagare per imbarcarla. Dal gruppo di passeggeri in attesa per l’imbarco si alza una voce dal tono sicuro in direzione della hostess: “Ovvio che è frustrata, cosa pretendi? Lavora per RyanAir!”. La hostess fulmina il passeggero con lo sguardo, visibilmente scocciata dalla sua arroganza. Per tutta risposta, il grassone si compiace di essere riuscito a darle fastidio. Anche le persone intorno a lui scoppiano a ridere, rumorosamente, e alla poverina che sta semplicemente facendo il suo lavoro non resta che far finta di niente e continuare i controlli. L’amico che mi racconta l’episodio pure si fa grasse risate. Oh, that was hilarious!

A me il racconto non fa ridere, al contrario mi ha urtato profondamente i nervi. Ecco l’ennesima stronzata su RyanAir che mi devo sorbire, ho pensato.

Viaggio con RyanAir dal 2006. In dieci anni ne ho presi un bel po’ di aerei, e la maggioranza di questi era RyanAir. In molte occasioni si è trattato di una scelta obbligata, vuoi perchè la tratta che mi interessava non era servita da altre compagnie, vuoi perchè gli orari delle altre compagnie non mi andavano bene, vuoi perchè altre compagnie erano notevolmente più costose. In dieci anni di viaggi RyanAir io non mi sono mai lamentata. Solo una volta ho pagato il sovrapprezzo per un eccesso di peso in valigia, e l’ho pagato consapevolmente perchè mi stavo trasferendo all’estero e quei due chili in più di roba mi servivano. Non ho mai preso “multe”. Sarà forse perchè ho sempre letto le email di conferma? Di contro, in dieci anni ho sentito uscire dalla bocca di altre persone ogni sorta di improperi, bestemmie, commenti sagaci (secondo loro, non secondo me) e prese per il culo su RyanAir, l’unica azienda al mondo a cui si rimprovera di pensare solo al profitto.

conferma prenotazione volo aereoSempre colpa di RyanAir

Un servizio Panorama su RyanAir esordiva con “è la compagnia aerea che amiamo odiare, ma non così tanto da non usarla più”. La prima persona intervistata dice: “non potrei permettermi di viaggiare se non usassi RyanAir”. Insomma, chi critica RyanAir sputa sul piatto dove mangia.

Ne ho sentite tante sulla RyanAir. Le battute più esilaranti (per chi le fa, non per me) riguardano in genere i soldi da pagare per i chili in eccesso o le carte di imbarco non stampate, lo shampoo da 1 litro buttato via ai controlli di sicurezza, l’amico “costretto” a sedersi lontano … tutte cose di cui uno viene avvertito prima di prenotare e poi tramite email. Ci sono anche queste chicche qui:

Non ci sono voli per Venezia questo Natale, ti rendi conto? Non è mica giusto! E noi adesso come facciamo a tornare a casa?

Francamente, quelli di RyanAir se ne infischiano. E fanno bene. Siccome RyanAir è un’azienda orientata al profitto e non un ente benefico, non è tenuta a farsi carico del problema sociale dei cervelli in fuga che vogliono tornare a casa per Natale a scafarsi di cibo.

Non mi fanno portare il cane

Che animali! Quelli di RyanAir, naturalmente, non il vostro delizioso cagnolino che moltissime altre compagnie – incluse compagnie nazionali molto più care – non vi permetteranno di far salire a bordo. Ebbene sì, a differenza di quel che fa credere un titolone su un importante sito italiano, non sono solo quegli stronzi di EasyJet e RyanAir a bandire gli animali dai voli.

https://pixabay.com/it/aereo-aeromobili-commerciale-744876/

E poi arrivò lei…

Come se non bastassero le sciocchezze che dovevo sentire da amici  o colleghi, mi sono imbattuta in questo articolo scritto da un noto personaggio della TV. La tizia è famosa per far satira e di solito è molto brava. A volte però non ci riesce. Non faccio il nome perchè non ho alcun interesse a parlare male di questa persona, che mai ho conosciuto in vita mia. Non ne critico nemmeno la professionalità. Ma non riesco proprio a digerire certe frasi che ha scritto: trasudano arroganza e ignoranza, una combinazione che scatena in me istinti primordiali di cannibalismo. Per esempio:

abusi molteplici che conoscerete: soldi che ti sfilano con ogni pretesto senza nessuna proporzione tra il problema e la pena pecuniaria

Non vedo abuso alcuno nel vendere legalmente prodotti e servizi. Sì, i chili in eccesso rispetto ai 15 che avete già pagato in prenotazione sono un servizio che vi danno: vi permettono di portare a bordo più di quel che avete prenotato. Se volete usufruire di questo servizio pagate, come si paga qualunque altro servizio disponibile sul libero mercato. Se non volete pagare, fate in modo che la vostra valigia non pesi più di 15kg. Altre compagnie vi consentono di portare a bordo più di 15 kg? Vero, ma quasi sempre vi costa meno acquistare un biglietto RyanAir più chili in eccesso che un biglietto di una compagnia nazionale (non low-cost, per intenderci).

ma questa è una multa non è un prezzo possibile e le multe le possono fare i vigili i tribunali non una compagnia privata.

Intanto, apprezzerei una virgola qua e là. Poi ribadisco che non stiamo parlando di multe ma di “servizi aggiuntivi”. Per i servizi base, tipo il posto a sedere sull’aereo o l’aria che respirate, non si paga nessun sovrapprezzo.

una rapina continua

Ancora?? Qualcuno si è mai sentito rapinato quando è entrato in un negozio e gli son stati chiesti dei soldi per acquistare un oggetto?

è mai possibile che sia lecito considerare le orecchie dei passeggeri come uno spazio pubblicitario libero dove strombazzare quello che vuoi?

Non nego che le continue sollecitazioni all’acquisto del personale di bordo RyanAir – e prima i cibi caldi, e poi le bevande, e poi le sigarette, e poi i profumi, e poi i gratta e vinci e poi e poi e poi – sia fastidiosa, ma fa parte delle politiche commerciali dell’azienda. Hanno deciso che sui loro voli vogliono vendere, e direi che fanno bene visto che nonostante tutte le lamentele sulle hostess che passano col carrellino i voli son sempre pieni di gente che spende soldi. Sì, la cabina è un loro spazio pubblicitario libero dove possono strombazzare quello che vogliono. Se non ti piace, vola con un’altra compagnia. Va anche aggiunto che il personale di bordo DEVE vendere il più possibile, perchè l’ammontare delle vendite è uno dei fattori in base al quale vengono giudicati. Io devo dire che a rendere un incubo i miei voli non sono mai stati hostess e steward ma i passeggeri. Gente che parla a voce alta senza alcun rispetto per gli altri. Gente che vuole sedersi su un posto diverso da quello che gli è stato assegnato. Gente che se potesse metterebbe nella cappelliera – gratis – anche la nonna. E non perchè questo fa parte del loro lavoro, ma semplicemente perchè sono maleducati.

io non credo che possa essere legale. Direi che lo è, sennò avrebbero chiuso baracca e burattini da un bel po’.

Un commento che lascia il tempo che trova. Il mondo è pieno di aziende che fanno cose illegali e ciononostante non chiudono baracca e burattini. Comunque sì, far pagare per un bagaglio a mano che non è delle dimensioni consentite o per non aver stampato la carta d’imbarco è assolutamente legale.

un cretino al microfono che si permette pure di imporci le sue battute un umorismo come quello che possono avere i secondini con i carcerati

Il cretino di cui parla è un povero cristo che deve sbarcare il lunario. Nessuno pretende da lui che sia un comico professionista. L’autrice dell’articolo, che per professione ha fatto ridere molte persone, magari non è preparata a gestire il panico di 200 passeggeri durante un atterraggio di emergenza. Ognuno ha le sue competenze: rispettiamole.

(l’unica che si alza nell’aereo pieno tutti coraggiosi come al solito)

Paladina della legge! Le manca solo la gonnellina e diventa Sailor Moon! Non le è venuto in mente che forse gli altri non sono dei cagacazzi come lei e non perdono tempo in queste minchiate?

già dall’inizio mi aveva colpito la sua variante alla formula classica. anziché: ” gli assistenti di volo vi mostreranno alcune norme di sicurezza”, “gli assistenti di volo vi mostreranno alcune norme di sicurezza che dovete ascoltare in assoluto silenzio”.

E il problema dove sta? Se hanno variato la formula classica, probabilmente è perchè i passeggeri facevano un tale casino che non si riusciva a sentire niente. Ricordo che anche se tutti le considerano delle mere formalità (o in maniera schietta, delle rotture di coglioni), le norme di sicurezza possono all’occasione giusta salvarvi il culo.

“io faccio il mio lavoro se non glie sta bene sa che cosa fa? la prossima volta prende un’altra compagnia”

Non il massimo della professionalità, ne convengo, ma data l’arroganza con cui è stato scritto l’articolo è possibile che con la stessa arroganza l’autrice dell’articolo si sia rivolta al personale di bordo. Il quale, comprensibilmente, ha sbottato.

quando gli ho chiesto il nome che credo sia obbligato dare,

Non so se per i voli è diverso, ma quando lavoravo al call centre mi era stato esplicitamente detto che non era tenuta a dare il mio nome e cognome. Di fatto, non ho mai dato il mio cognome a nessun cliente.

è una piccola cosa ma si comincia dalle piccole cose. E’ la prima cosa su cui siamo d’accordo.

Ma non sarebbe opportuno riservare la mobilitazione popolare a cose più serie?

Rispetto per i lavoratori, di qualunque compagnia

All’autrice dell’articolo di cui sopra vorrei dire un paio di cose:

1. Prima di lamentarsi dell’inglese altrui, cura il tuo italiano e i refusi, di cui l’articolo è pieno. (sì, anche i miei articoli son pieni di refusi ma non mi sono mai lamentata dell’inglese altrui)

2. Prova sulla tua pelle cosa vuol dire ***lavorare***, non per esprimere te stessa attraverso l’arte o per denuncia sociale o per una qualche altra “alta” ragione, ma per la bassa, umana, necessità di mangiare. Dimmi come ti senti dopo otto ore di un lavoro stressante, alienante, con orari massacranti, in cui sei stata trattata a pesci in faccia da gente come te che non ha alcun rispetto.

3. Finale dell’articolo, in maiuscolo eh (perchè le urla dello steward RyanAir son fastidiose ma il suo maiuscolo online non lo è mica): DIMENTICAVO OGGI SONO A OTRANTO A PRESENTARE DRAQUILA. Della serie RyanAir fa schifo, io invece sono una figa, venitemi a vedere. Mavvanfaculo, va’! E fammi il favore, vacci alla velocità di un Concorde.

Massima solidarietà invece ai lavoratori RyanAir, che come tutti quelli che lavorano a contatto col pubblico devono subire giornalmente ogni sorta di sopruso e umiliazione.

Italiani, non prendete RyanAir (o se lo fate, non lamentatevi)

Che gli italiani non sapessero viaggiare con RyanAir lo aveva già “scoperto” anni fa un tal Gabriele Massari in un suo popolarissimo post dal titolo Italiani, non viaggiate con Ryanair, non ne siete in grado!  L’avrò letto un milione di volte e ancora mi piscio addosso dalle risate. Semplicemente, riassume tutto ciò che io penso sui passeggeri della compagnia low cost più famosa-famigerata al mondo.

Il punto fondamentale è questo: RyanAir è una compagnia low cost, basa tutta la sua politica commerciale sul prezzo, non ha mai voluto attrarre clienti con la prospettiva di un viaggio comfortevole o lusso. Comfort e lusso si pagano: se questo è ciò che volete, è un desiderio assolutamente legittimo però allora volate con altre compagnie. Se invece volete spendere poco, scegliete RyanAir e accettatene le limitazioni. Il patto è chiaro: costa poco, dà poco. Non ci sono altre compagnie per la tratta che vi interessa? Non è con RyanAir che vi dovete lamentare. Se ancora non fosse chiaro, ricordo che non è un ente benefico e non ha a cuore i problemi dell’umanità ma solo il bilancio annuale.

Per finire vi svelo un segreto confidatomi da un ragazzo che fa il corso pilota e ha già un tot di ore di volo sul curriculum: ai piloti stanno sul cazzo gli imbecilli che applaudono dopo l’atterraggio. Quindi fate un bene all’umanità: state zitti, rimanete seduti e tenete la cintura allacciata fino a quando si spegne il segnale luminoso. Quando si è spento, alzatevi con calma, prendete il vostro bagaglio dalla cappelliera e andatevene in santa pace. Se vi riesce, fate un sorriso alla hostess mentre uscite.

https://pixabay.com/it/aeroporto-aereo-ryanair-basso-costo-746174/PS

Io ce li ho dei miei personali dubbi su RyanAir. Non riguardano i panini in vendita in cabina o i soldi da pagare per portarmi in vacanza 10 paia di scarpe in più rispetto a quel che mi serviva. Riguardano la sicurezza e i diritti dei lavoratori. Da nessuno di quelli che fanno i simpaticoni con i dipendenti RyanAir (leggi: prendono per il culo) ho mai sentito fare un discorso serio su queste tematiche. Della serie, ciò che conta è solo spendere poco. Se poi l’aereo rischia di non avere abbastanza carburante per atterrare, chi se ne frega?

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Scopri le birre artigianali irlandesi con il mio ebook

Ve lo ricordate il Birre Artigianali Irlandesi – Dublino Pub Tour? E’ il tour che ho ideato e condotto dal 2015 al febbraio 2016, il primo tour a tema birre artigianali in lingua italiana nella città di Dublino.

Ora potete svolgere il tour in piena autonomia, senza bisogno di me! Al costo di un euro (sì, SOLTANTO UN EURO!) potete acquistare il mio ebook Birre Artigianali Irlandesi Dublino Pub Tour.

Contiene tutte le informazioni necessarie per fare il tour da soli:

  • itinerario dettagliato
  • descrizione dei pub
  • birre consigliate, con tre degustazioni a tema
  • punti di interesse turistico
  • informazioni pratiche (orari di apertura, trasporti, sicurezza, minorenni al pub…)

Questo tour vi farà scoprire Dublino al di fuori dei circuiti turistici tradizionali ed è la migliore introduzione al mondo delle birre artigianali irlandesi.

Birre Artigianali Irlandesi Dublino pub tour

Tutti possono farlo! Il degustatore esperto potrà aggiungere al suo personale elenco birre difficili se non impossibili da trovare in Italia; chi non ha mai assaggiato una birra artigianale scoprirà che questa bevanda ha un’incredibile varietà di profumi e gusti; l’appassionato d’Irlanda potrà avvicinarsi ad una Dublino più “autentica”, meno turistica.

Che aspetti? ACQUISTALO SUBITO

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

4800 euro dove andare

Come sapete, mi diverto ad andare a leggere le statistiche del mio sito su Google Analytics per vedere i termini di ricerca con i quali le persone hanno trovato il mio blog. A volte si trovano parole chiave davvero inaspettate. Per esempio “4800 euro dove andare“.

Suppongo sia un errore di battitura: immagino che la persona in questione aveva un budget di 480 euro e cercava idee per un viaggio da contenere entro quel budget. Se invece non era un errore, la persona in questione cade male perchè su questo blog non si parla di viaggi da 4000 e passa euro. La ragazza con la valigia (io) viaggia principalmente low cost e anche quando si concede un lusso, è sempre un PICCOLO lusso, lontano da cifre a tre zeri.

Però, visto che sognare non costa nulla, oggi mi sono chiesta: dove andrei se avessi 4800 euro da spendere per UN viaggio?

Uff, le idee non mi mancano! Ne scrivo qui un paio, non vorrei mai che un giorno per botta di culo diventassi ricca ma un’improvvisa amnesia mi cancellasse tutte le idee di viaggio.

Vai coi sogni allora…

Doraemon e Pikachu, Tokyo Anime Centre

Se avessi 4800 euro da spendere per un viaggio, mi farei:

  • una traversata oceanica di una trentina di giorni sul veliero Bark Europa
  • una vacanza di una decina di giorni su un’isola privata, tutta per me e al massimo mio moroso, tipo Bird Island a Belize prenotata su AirBnb (se nonostante i 4800 euro vi serve uno sconto, cliccate qui)
  • grandissimo sogno, un viaggio senza scadenza: parto senza aver deciso la data del ritorno. Torno a soldi finiti.

Purtroppo 4800 euro sono troppo pochi per il mio sogno più grande: il turismo spaziale. In compenso viaggiare a bordo del Bernina Express nella cabina del macchinista sembrerebbe una cosa da pidocchiosi: costa soltanto 800 franchi

Voi dove andreste?

PS ho provato a rifare la ricerca Google con la parola chiave “4800 euro dove andare” e tutti i risultati erano siti sul fisco e le leggi per i lavoratori autonomi occasionali. Ecco, con 4800 euro in tasca non mi viene granchè voglia di andare all’INPS…

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Locali a Londra: quel che mi ricordo della mia vita notturna

Una disordinata selezione di locali londinesi dove potete andare a bere, mangiare, ballare, ascoltare musica dal vivo e comprare vestiti

Cosa fare a Londra la sera? In una città in cui si può fare di tutto scegliere può essere difficile.

Io ho lasciato che fossero gli altri a decidere per me. Ecco i locali in cui mi hanno portata i miei amici che vivono a Londra… la lista non è completa, questi sono solo quelli che mi ricordo!

il bar del locale, locale a Camden, Londra

Bar e pub

Paper Dress
Bar & Boutique
zona Shoreditch

The Harp
pub tradizionale
zona Covent Garden

French House
pub
zona Soho

The Pride of Spitafields
pub tradizionale (famoso per il gatto che è sempre lì a dormire!)
zona Shoreditch / Brick Lane

Coach & Horses
pub vegetariano – piano sessions
zona Soho

Discoteche

Fabric
generi vari, principalmente house, techno ed elettronica.

Club 414
Hard Dance-Psytrance-Techno-Trance-House
zona Brixton

Locali con musica dal vivo

Koko
generi vari, principalmente indie. Dopo il concerto club aperto fino a tardi
zona Camden

Hootananny
generi vari, principalmente reggae e ska
zona Brixton

Borderline
generi vari, principalmente rock e indie. Dopo il concerto club aperto fino a tardi
zona Tottenham

Old Queen’s Head
generi vari
zona Islington

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Delicious
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS